Jam Session Nanotec…

Prenderà il via mercoledì 11 ottobre 2017,   Jam session Nanotec… note di scienza su scala nanometrica, la rassegna di incontri divulgativi che vedrà, ricercatori, scienziati ed esperti di fama internazionale, incontrare il grande pubblico e dialogare di scienza in modo intrigante, libero, informale.

Curiosità e passione, esperienze e conoscenza saranno gli strumenti che, come in una jam musicale, porteranno pubblico e protagonisti a concertare insieme e dipanare note di scienza su scale nanometriche, luoghi dove la materia presenta le sue svariate e sorprendenti proprietà, dove il confine tra discipline scientifiche e tecniche si attenua e le metodologie più avanzate della fisica, biologia, medicina, chimica, matematica e ingegneria si combinano, si potenziano e si fondono diventando Nanotecnologia.

Gli incontri, con inizio alle ore 20:30, si terranno nella Libreria Liberrima, nel centro storico della città di Lecce, per poi concludersi con la degustazione conviviale di un piatto Nanotec, all’Ombra del barocco, il noto ristorante-caffè di Liberrima.

Non mancheranno le improvvisazioni musicali nel calendario del programma di incontri che, con cadenza mensile, si svolgerà fino a giugno 2018.

Il progetto, promosso dal CNR NANOTEC e realizzato in collaborazione con Liberrima, nasce dall’idea di Gabriella Zammillo (tecnologo dell’Istituto di Nanotecnologia del CNR di Lecce) e si inserisce tra le molteplici iniziative di divulgazione scientifica avviate e realizzate dal CNR NANOTEC, con l’intento di contribuire a creare un ambiente favorevole alla diffusione del sapere scientifico e “creare valore attraverso le conoscenze generate dalla ricerca”.

11 ottobre 2017: Nanoparticelle intelligenti come sistemi di diagnosi e cura per la salute dell’uomo – Andrea Salonia (IRCSS San Raffaele, Milano)

Rassegna Stampa
Photo Gallery – 11 ottobre 2017

31 gennaio 2018: Vescicole Extracellulari: il cervello e i suoi social network – Roberto Furlan (IRCSS San Raffaele, Milano)

Rassegna Stampa
Photo Gallery – 31 gennaio 2018

12 aprile 2018: Epigenetica: come il nostro corpo memorizza il mondo con Giuseppe Macino, Direttore del Progetto Bandiera EPIGEN-CNR, Consiglio Nazionale delle Ricerche, Roma

Rassegna Stampa
Photo Gallery – 12 aprile 2018

28 settembre 2018: “Come stanno le cose”, con Piergiorgio Odifreddi (matematico e saggista).

Rassegna Stampa
Photo Gallery – 28 settembre 2018

Latest News

  • Scholar-in-Training Award dell’AACR a Marta Cavo

    Lecce, 15/01/2020
    Marta Cavo, ERC-postdoctoral research fellow at the CNR Institute of Nanotechnology in Lecce (ERC-StG INTERCELLMED No., 759959, PI: Dr. Loretta L. del Mercato), have been selected to receive a Scholar-in-Training Award (USD $625). The Scholarship will support her attendance at the Conference on The Evolving Landscape of Cancer Modeling, organized by the American Association for Cancer Research (AACR), to be held on 2-5 March 2020 in San Diego (California), where she will present the work “Quantifying stroma-tumor cell interactions in three-dimensional cell culture systems”. (more…)
  • I° meeting TecnoMed Puglia

    Lecce, 05 dicembre 2019 – Aula Rita Levi Montalcini – CNR NANOTEC Lecce

    Si terrà domani, giovedì 05 dicembre, con inizio alle ore 14.00 presso l’aula Rita Levi Montalcini del Cnr Nanotec, il “I° meeting TecnoMed Puglia: Tecnopolo per la medicina di precisione“. Il meeting mira a fare il punto sulle attività programmate, sullo stato di avanzamento e sugli highlights.

    Puoi scaricare la locandina da qui

  • Jam session Nanotec… note di scienza su scala nanometrica

    Lecce, 27 settembre 2019 – ex monastero degli Olivetani “CAR-T: l’alba di una nuova era”  con: Attilio Guarini (IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari)  introduce e modera: Marco Ferrazzoli (Ufficio Stampa CNR Roma) a cura di: Gabriella Zammillo 

    Le CAR-T (Chimeric Antigens Receptor Cells-T) sono cellule modificate in laboratorio a partire dai linfociti T. Rappresentano una nuova strategia di cura che sfrutta il sistema immunitario per combattere alcuni tipi di tumore come linfomi aggressivi a grandi cellule e leucemie linfoblastiche acute a cellule B. Il prof Attilio Guarini, ematologo all’Istituto tumori Giovanni Paolo II di Bari, le definisce la “vis sanatrix naturae della antica medicina salernitana”, trattandosi del potenziamento dell’attività citotossica dei linfociti del paziente opportunamente ingegnerizzati per riconoscere e contrastare alcuni tipi di cellule tumorali.

    (more…)