Nano-Biotechnology

Nano-biotechnology aims at the development of nanotechnology-based tools for biomedical applications. The bottom-up and top-down approaches, typical of nanotechnology, applied to biology and biochemistry lead to the development of nanostructured materials and devices to improve several fields of current biomedical research like Biomolecular Delivery, advanced and high resolution Imaging and Regenerative Medicine. Nanotechnology investigation tools of materials and surfaces applied to biology increase the basic knowledge ofself-assembly of biomolecules (as described in Biointerfaces) and of cellular mechanisms (Cell Biology). In the view of providing “point-of-care” diagnostic toolsand state-of-the–art approaches towards personalized medicine,microscale devicesare developedas described in the sections Lab on Chip and Biosensors & Bioelectronics. Nano-biotechnological applications are supported by the Modeling, Theory and Computation reported in the section Computational Biology.

Biomolecular Delivery

The major goal in designing nanosystems as drug delivery vectors is to control the release of pharmacologically active agents and to achieve the site-specific action of drugs at a therapeutically optimal rate and dosage regimen…

Cell biology

The research activities of this area at the cross-roads of materials science, nanotechnology and cell biology, primarily focusing on how newly-discovered materials and interfacial processes can be developed and used for specific applications…

Imaging

At NANOTEC several high resolution techniques are available for fine imaging of biomolecules, living cells and tissue. Mainly we focus on engineering of high-resolution molecular and semiconductor-based tools for fine fluorescence imaging…

Regenerative medicine

Regenerative medicine is a branch of translational research in tissue engineering and molecular biology which deals with the process of replacing, engineering or regenerating cells, tissues or organs to restore or establish normal function…

Biointerfaces

Surfaces covered and functionalized with biomolecules play a key role in nano-biotechnology. At NANOTEC we study the biomolecules at interfaces with…

Lab on chip (LOC)

The Lab on a Chip (LOC) family is wide and multifaced due to the large number of possible applications ranging from the biomedical to the agrifood and environmental fields….

immagine_biosensingbioelectronics-copy

Biosensors & Bioelectronics

At NANOTEC Institute, several research activities are in progress concerning the optimization of a wide range of biosensors able to respond, alone or integrated…

Latest News

Jam session Nanotec... note di scienza su scala nanometrica

Lecce, 27 settembre 2019 - ex monastero degli Olivetani "CAR-T: l'alba di una nuova era"  con: Attilio Guarini (IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari)  introduce e modera: Marco Ferrazzoli (Ufficio Stampa CNR Roma) a cura di: Gabriella Zammillo 

Le CAR-T (Chimeric Antigens Receptor Cells-T) sono cellule modificate in laboratorio a partire dai linfociti T. Rappresentano una nuova strategia di cura che sfrutta il sistema immunitario per combattere alcuni tipi di tumore come linfomi aggressivi a grandi cellule e leucemie linfoblastiche acute a cellule B. Il prof Attilio Guarini, ematologo all’Istituto tumori Giovanni Paolo II di Bari, le definisce la “vis sanatrix naturae della antica medicina salernitana”, trattandosi del potenziamento dell’attività citotossica dei linfociti del paziente opportunamente ingegnerizzati per riconoscere e contrastare alcuni tipi di cellule tumorali.

 

Le CAR-T possono quindi essere definite un “farmaco vivente” proprio perché prodotto a partire dalle cellule dello stesso paziente aprendo così ad un nuovo mondo, considerato che i farmaci convenzionali sono prodotti da sostanze chimiche o, in alternativa, sono anticorpi prodotti in laboratorio dai biologi. Un trattamento estremamente complesso e costoso, non sempre applicabile, ma laddove possibile, dai risultati incoraggianti per le aspettative di vita. Lo sviluppo di nuove tecnologie per la produzione di CAR-T è parte integrante delle attività di ricerca condotte dal TecnoMed Puglia, il TecnoPolo per la Medicina di Precisione, coordinato da Giuseppe Gigli direttore del Cnr Nanotec di Lecce, e che nel suo nucleo fondatore vede anche l’IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari, il Centro di malattie neurodegenerative e dell’invecchiamento cerebrale dell’Università di Bari con sede presso l’Ospedale " G. Panico" di Tricase e la Regione Puglia.

 

L'evento apre la nuova stagione della rassegna divulgativa "Jam session Nanotec: note di scienza su scala nanometrica", un progetto Cnr Nanotec di Gabriella Zammillo, realizzato in collaborazione con Liberrima.

A condurre e moderare la serata, Marco Ferrazzoli, capo ufficio stampa dal CNR. Puoi scaricare la locandina da qui

Notte dei Ricercatori

Lecce, 27 settembre 2019

 

ex monastero degli Olivetani, ore 18:00 - 24:00

 
 Ritorna puntuale la Notte dei Ricercatori, l’evento più atteso dai tanti appassionati di scienza, ghiotti di conoscenza senza distinzione di età. E sempre più densa di contenuti è la partecipazione del @CnrNanotec che, per l’edizione 2019,  ha reso ancora più appetibile il calendario degli appuntamenti programmati all’interno del progetto europeo #ERN-Apulia  coordinato da Unisalento, tracciando un ideale tour tra gli intriganti campi del sapere che si dipana attraverso narrazioni, illustrazioni, laboratori hand-on, dibattiti, giochi per grandi e piccini e rappresentazioni teatrali. Clicca qui per il programma completo delle attività di Nanotec.   Per l'evento completo apri il link: www.laricercaviendinotte.it  
 

WELFARE E PARI OPPORTUNITA'

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

September 14-22, 2019

 

Science coffee. Tre scienziate si raccontano: Luisa Torsi, Loretta L del Mercato, Eva Degl'Innocenti Bari - Fiera del Levante, 20 settembre 2019 - 17.30

Luisa Torsi, chimica, docente all’Università degli Studi di Bari e alla ABO Akademi University in Finlandia, tra le protagoniste della mostra della Fondazione Bracco . Loretta L del Mercato, biotecnologa - Ricercatrice CNR Nanotec. Esperta nell’uso delle nanotecnologie applicate in campo biomedico. Attualmente la ricerca si concentra sullo sviluppo di modelli cellulari di tumore del pancreas che consentano di testare l'efficacia di diverse terapie anticancro. Coordina il progetto ERC-StG “INTERCELLMED” finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (Erc). Eva Degl'Innocenti, Direttrice MARTA di Taranto [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]