Dispositivi Avanzati

In stretta correlazione con  lo sviluppo della vasta gamma di materiali innovativi studiati in NANOTEC, l’area  Advanced Devices si focalizza sull’uso e integrazione di questi materiali in strutture multifunzionali e dispositivi di nuova generazione per applicazioni avanzate. Utilizzando approcci sia di tipo bottom-up che top-down, particolare enfasi è posta allo studio e lo sviluppo di innovative procedure  tecnologiche anche su scala nanometrica, per consentire la fabbricazione e la realizzazione di (nano) strutture, microarray e componenti discreti elettronici e/o fotonici di diretto interesse industriale per una vasta gamma di applicazioni. Dispositivi innovativi, quali nuove sorgenti di luce a risparmio energetico, dispositivi elettronici ad alta velocità e basso consumo, dispositivi fotovoltaici di terza generazione,  dispositivi spintronici basati su singole molecole /nanoparticelle magnetiche e su trasporto di carica /spin, sensori avanzati e dispositivi catalitici sono studiati  con un approccio multidisciplinare fino alla realizzazione a livello prototipale.

Fotovoltaico

L’ approvvigionamento di energia è un problema strategico a livello mondiale, da un lato per la carenza di combustibile fossile e dall’ altro per l’ esigenza di trovare soluzioni eco-compatibili…

Convertitori di Energia Meccanica

I dispositivi per il recupero di energia sfruttando le vibrazioni e l’energia meccanica presente nell’ambiente, sono promettenti per la realizzazione di sistemi energetici sostenibili da impiegare…

Optronic

Sensori Optoelettronici

Le attività di ricerca hanno l’obiettivo di sviluppare nuove eterostrutture che combinano materiali semiconduttori ad alta mobilità con materiali bidimensionali, e sistemi plasmonici per l’architettura…

Dispositivi a base di film di diamante

L’obiettivo di questa linea di ricerca è investigare prototipi di dispositivi avanzati a base di film di diamante MWPECVD e strati di particelle di nanodiamante. Per ogni applicazione le differenti…

__Spintronics Entry2

Spintronica

Il notevole trend di miglioramento delle prestazioni nell’industria elettronica descritto dalla legge di Moore sta oggi incontrando crescenti difficoltà a causa di limitazioni fondamentali…

Latest News

I° meeting TecnoMed Puglia

Lecce, 05 dicembre 2019 - Aula Rita Levi Montalcini - CNR NANOTEC Lecce

Si terrà domani, giovedì 05 dicembre, con inizio alle ore 14.00 presso l'aula Rita Levi Montalcini del Cnr Nanotec, il "I° meeting TecnoMed Puglia: Tecnopolo per la medicina di precisione". Il meeting mira a fare il punto sulle attività programmate, sullo stato di avanzamento e sugli highlights.

Puoi scaricare la locandina da qui

Jam session Nanotec... note di scienza su scala nanometrica

Lecce, 27 settembre 2019 - ex monastero degli Olivetani   "CAR-T: l'alba di una nuova era" con: Attilio Guarini (IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari) introduce e modera: Marco Ferrazzoli (Ufficio Stampa CNR Roma) a cura di: Gabriella Zammillo  

Le CAR-T (Chimeric Antigens Receptor Cells-T) sono cellule modificate in laboratorio a partire dai linfociti T. Rappresentano una nuova strategia di cura che sfrutta il sistema immunitario per combattere alcuni tipi di tumore come linfomi aggressivi a grandi cellule e leucemie linfoblastiche acute a cellule B. Il prof Attilio Guarini, ematologo all’Istituto tumori Giovanni Paolo II di Bari, le definisce la “vis sanatrix naturae della antica medicina salernitana”, trattandosi del potenziamento dell’attività citotossica dei linfociti del paziente opportunamente ingegnerizzati per riconoscere e contrastare alcuni tipi di cellule tumorali.

 

Le CAR-T possono quindi essere definite un “farmaco vivente” proprio perché prodotto a partire dalle cellule dello stesso paziente aprendo così ad un nuovo mondo, considerato che i farmaci convenzionali sono prodotti da sostanze chimiche o, in alternativa, sono anticorpi prodotti in laboratorio dai biologi. Un trattamento estremamente complesso e costoso, non sempre applicabile, ma laddove possibile, dai risultati incoraggianti per le aspettative di vita. Lo sviluppo di nuove tecnologie per la produzione di CAR-T è parte integrante delle attività di ricerca condotte dal TecnoMed Puglia, il TecnoPolo per la Medicina di Precisione, coordinato da Giuseppe Gigli direttore del Cnr Nanotec di Lecce, e che nel suo nucleo fondatore vede anche l’IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari, il Centro di malattie neurodegenerative e dell’invecchiamento cerebrale dell’Università di Bari con sede presso l’Ospedale " G. Panico" di Tricase e la Regione Puglia.

 

L'evento apre la nuova stagione della rassegna divulgativa "Jam session Nanotec: note di scienza su scala nanometrica", un progetto Cnr Nanotec di Gabriella Zammillo, realizzato in collaborazione con Liberrima.

A condurre e moderare la serata, Marco Ferrazzoli, capo ufficio stampa dal CNR.   Puoi scaricare la locandina da qui

Notte dei Ricercatori

Lecce, 27 settembre 2019

 

ex monastero degli Olivetani, ore 18:00 - 24:00

 
  Ritorna puntuale la Notte dei Ricercatori, l’evento più atteso dai tanti appassionati di scienza, ghiotti di conoscenza senza distinzione di età. E sempre più densa di contenuti è la partecipazione del @CnrNanotec che, per l’edizione 2019,  ha reso ancora più appetibile il calendario degli appuntamenti programmati all’interno del progetto europeo #ERN-Apulia  coordinato da Unisalento, tracciando un ideale tour tra gli intriganti campi del sapere che si dipana attraverso narrazioni, illustrazioni, laboratori hand-on, dibattiti, giochi per grandi e piccini e rappresentazioni teatrali. Clicca qui per il programma completo delle attività di Nanotec.   Per l'evento completo apri il link: www.laricercaviendinotte.it